Alcuni Tipi di Meditazione.
Alcuni Tipi di Meditazione.

Alcuni Tipi di Meditazione.

Ecco alcune altre forme di questa antica pratica che potresti voler provare oggi stesso.

Meditazione Zen

Questa antica tradizione buddista implica sedersi in posizione eretta e seguire il respiro, in particolare il modo in cui si muove dentro e fuori dalla pancia, e lasciare che la mente “semplicemente sia”.  Il suo scopo è quello di favorire un senso di presenza e di vigilanza.

Meditazione Guidata

Ti consiglio la Meditazione guidata per iniziare, non dura tanto ed è adatta a tutti.
Pochi minuti per rilassarsi e concentrarsi sul respiro e iniziamo.


Trova un posto della tua casa dove nessuno possa disturbarti e mettiti comodo, seduto o se preferisci sdraiato. Mentre inizi a rilassarti e a sentire i tuoi muscoli che diventano sempre più pesanti,concentrati sul tuo respiro.

È proprio attraverso l’attenzione sul respiro che si riesce a raggiungere una maggior consapevolezza del proprio corpo e della propria mente. Allontana lo stress che ti accompagna in ogni azione quotidiana e finalmente rilassati e ascolta la voce che ti guida.

Meditazione mantra

Questa tecnica è simile alla meditazione dell’attenzione focalizzata, anche se invece di concentrarti sul respiro per calmare la mente, ti concentri su un mantra (che potrebbe essere una sillaba, una parola o una frase). 

L’idea qui è che le sottili vibrazioni associate al mantra ripetuto possono incoraggiare un cambiamento positivo – forse un aumento della fiducia in se stessi o una maggiore compassione per gli altri – e aiutarti ad entrare in uno stato di meditazione ancora più profondo.

Meditazione yoga

Proprio come esistono molti diversi tipi di meditazione, esistono anche molti stili di yoga – in particolare il Kundalini yoga – che mirano a rafforzare il sistema nervoso, quindi siamo in grado di affrontare meglio lo stress e i problemi quotidiani. 

Tuttavia, per integrare i cambiamenti neuromuscolari che si verificano durante lo yoga e ottenere il massimo beneficio dalla pratica, dobbiamo dedicare del tempo a savasana o Shavasana, nota come posa del cadavere o di rilassamento, per rilassare il corpo e alleviare la tensione.

Meditazione Vipassana

Un’altra antica tradizione, questa ti invita a usare la tua concentrazione per esaminare intensamente alcuni aspetti della tua esistenza con l’intenzione di un’eventuale trasformazione.  Vipassana ci spinge a trovare “l’intuizione della vera natura della realtà”, attraverso la contemplazione di diverse aree chiave dell’esistenza umana: “sofferenza, insoddisfazione”, “impermanenza”, “non sé” e “vuoto”.

Meditazione sui chakra

Questa tecnica di meditazione ha lo scopo di mantenere i chakra centrali del corpo, i centri di energia, aperti, allineati e fluidi. 

I chakra bloccati o squilibrati possono causare sintomi fisici e mentali spiacevoli, ma la meditazione sui chakra può aiutare a riportarli tutti in equilibrio.

Meditazione Qigong

Questa è un’antica e potente pratica cinese che prevede lo sfruttamento dell’energia nel corpo consentendo ai percorsi energetici – chiamati “meridiani” – di essere aperti e fluidi. 

Si pensa che inviare questa energia verso l’interno durante la meditazione aiuti il ​​corpo a guarire e funzionare;  inviare l’energia verso l’esterno può aiutare a guarire un’altra persona.

Meditazione del bagno sonoro

Questa forma utilizza ciotole, gong, campana Tibetane e altri strumenti per creare vibrazioni sonore che aiutano a focalizzare la mente e a portarla in uno stato più rilassato.

Una o più di queste tecniche di meditazione ti ha particolarmente colpito?

Ricorda, alla fine non importa quale tecnica scegli. 

Ciò che importa, tuttavia, è che tu scelga uno stile che ti permetta di integrare le qualità che sperimenti durante la pratica della meditazione  tipo calma, empatia, consapevolezza nel resto della tua giornata.


Inizia oggi la tua Meditazione!

Leave a Reply